I vantaggi di un nuovo impianto di riscaldamento - Ariston
Consigli e soluzioni

I vantaggi di un nuovo impianto di riscaldamento

By Ariston

L’impianto di riscaldamento, in casa come in ufficio, è importante per soddisfare i nostri bisogni, soprattutto nei mesi invernali. Spesso gli edifici, in particolare quelli non progettati secondo i principi dell’edilizia sostenibile, sono dotati di impianti ormai datati e particolarmente esigenti da un punto di vista energetico, senza dimenticare le conseguenze relative alle emissioni di sostanze dannose per l’ambiente. È quindi importante quantomeno valutare la sostituzione di un impianto vecchio con un nuovo impianto per riscaldare un ambiente. Il risparmio in termini di costi è sicuramente uno dei principali vantaggi che si ottengono implementando le tecnologie più efficienti, anche alla luce delle forti incentivazioni fiscali che la normativa tributaria italiana ha riconosciuto: la restituzione in dieci anni fino al 65% delle spese effettuate per i lavori di ammodernamento dell’impianto di riscaldamento della propria abitazione, attraverso detrazioni dall’IRPEF o dall’IRES, e il nuovo conto termico, che prevede incentivi per i lavori di efficienza termica che consistono nella produzione di energia termica da fonti rinnovabili. La scelta tra uno dei nuovi impianti di condizionamento dipende da una serie di fattori tecnici, nonché dalle esigenze energetiche specifiche di ogni tipo di edificio. Di seguito mostriamo alcuni dei vantaggi consistenti nell’avere un nuovo impianto di riscaldamento.

Sostituire le vecchie caldaie con quelle a condensazione

Le vecchie stufe e caldaie rappresentano dei sistemi ormai superati, in quanto fonte di sprechi e di emissioni dannose per l’ambiente ed eventualmente per la salute delle persone. Si stima che, in Italia, più del 70% degli impianti di riscaldamento andrebbe sostituito o quantomeno modernizzato per ottenere una migliore resa energetica. Dal momento che questi impianti devono rispondere a requisiti minimi di sicurezza e assicurare un controllo sulle emissioni, una soluzione è quella di sostituire il vecchio impianto a parete con una caldaia a condensazione di ultima generazione. Garanzia di prestazioni più elevate e di risparmio in termini di consumi, la caldaia a condensazione sfrutta il calore dei gas di scarico provenienti dal camino e rilasciati nell’ambiente per svolgere la sua funzione di climatizzazione.

La grande efficienza delle pompe di calore

Un’altra soluzione possibile, e molto interessante da un punto di vista del risparmio economico, è rappresentata dalle pompe di calore. Decidendo di sostituire la vecchia caldaia, tra l’altro, avremo diritto a incentivazioni fiscali (il cosiddetto ecobonus) pari al 65% della spesa sostenuta. Le pompe di calore funzionano in modo diverso rispetto alle caldaie tradizionali, in quanto prelevano calore da fonti esterne come aria, acqua o suolo, servendosi di energia elettrica, per produrre energia termica destinata al riscaldamento (o raffreddamento) degli ambienti o alla produzione di acqua calda sanitaria, utilizzata per motivi di igiene personale o per la cucina. Con tale sistema si annullano, di fatto, le emissioni nocive per l’ambiente, aumentando notevolmente la potenza prodotta. Non è necessario che la temperatura della sorgente sia eccessivamente alta. Ovviamente con le pompe di calore non è più necessario disporre di una canna fumaria. L’elevato grado di efficienza delle pompe di calore è rappresentato sinteticamente da un indice, il COP (Coefficient of Performance) che può arrivare a superare il valore 5, ovvero la pompa di calore rende all’ambiente fino a 5 volte l’energia elettrica consumata.


Installare un sistema di pannelli solari termici

Una tecnologia che permette di sfruttare in modo esclusivo l’energia solare per soddisfare il bisogno di riscaldare un ambiente (oltre a quello di produrre acqua calda sanitaria) è rappresentata dai pannelli solari termici. Vero e proprio sinonimo di efficienza, i pannelli solari termici permettono generalmente di soddisfare l’intero fabbisogno energetico di una famiglia durante i mesi caldi, mentre in inverno è necessario un utilizzo combinato con la caldaia. I vantaggi derivanti dai pannelli solari termici per il riscaldamento di un ambiente sono molteplici. Primo tra tutti, un cospicuo risparmio in bolletta, fino ad arrivare a toccare il 70%; migliora la classe energetica e il valore dell’immobile; la possibilità di usufruire della detrazione fiscale per la riqualificazione energetica; riduzione dell’utilizzo di combustibili fossili e di emissioni di CO2; l'adattabilità a ogni tipo di tetto e tipo di immobile; l'allungamento della vita della caldaia (quando usata in combinazione con i pannelli solari termici).

Altre possibili soluzioni di riscaldamento

In alcuni casi, potrebbe risultare utile (quando non necessario) abbinare due differenti tecnologie, per esempio una pompa di calore e una caldaia a condensazione. Sono, infatti, in vendita soluzioni di questo tipo, attraverso un sistema ibrido che permetta una gestione oculata dei costi energetici. Ovviamente, prima dell’installazione di un tale sistema, va realizzato un progetto tecnico che ne evidenzi i relativi vantaggi e va fatta una richiesta di assistenza a un’azienda specializzata del settore in caso di dubbi o perplessità.