Come raffreddare una casa a più piani - Ariston
Consigli e soluzioni

Come raffreddare una casa a più piani

By Ariston

I sistemi di raffrescamento e climatizzazione degli ambienti sono sempre più diffusi. Le utenze aziendali e commerciali con impianto di condizionamento dell’aria sono ormai quasi la totalità, ma anche i privati con un climatizzatore domestico raggiungono una percentuale significativa.

Ogni impianto di climatizzazione va calibrato e personalizzato sulle esigenze della casa e di ogni ambiente. Infatti, quando si sceglie di installare di un impianto di condizionamento, si devono valutare diverse variabili:

  • dimensione della superficie della casa
  • numero abitanti della casa
  • qualità dell’isolamento termico della casa
  • presenza di più piani nell’immobile
  • capacità di spesa dell’utente.

Affinché un impianto di climatizzazione sia efficiente e garantisca il giusto grado di raffreddamento degli ambienti con una buona qualità di circolazione dell’aria, bisogna scegliere un sistema con la giusta potenza e caratteristiche adeguate.

Oggi, in commercio esistono tantissime soluzioni per i sistemi di climatizzazione dell’aria. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Tipologie di sistemi di climatizzazione

Esistono diversi tipi di sistemi di climatizzazione domestica. Innanzitutto si deve distinguere tra climatizzatori fissi e portatili. Nel nostro approfondimento, ci occuperemo del primo gruppo.

I climatizzatori fissi possono essere:

  • monoblocco: costituiti cioè da un solo elemento
  • split: costituiti da due elementi. Lo split, a sua volta, può essere mono, dual e multi.

Distinguiamo i climatizzatori in base anche al sistema di funzionamento:

  • con acqua refrigerante: l’acqua viene refrigerata da un sistema di ventilazione
  • con gas refrigerante: il gas viene refrigerato da un sistema di ventilazione a circuito chiuso

Per garantire il giusto funzionamento del climatizzatore e ottimizzarne le prestazioni è fondamentale scegliere la giusta potenza.

Dalla potenza del sistema di climatizzazione dipende la velocità del processo di raffrescamento dell’aria durante la stagione calda e il consumo energetico.

In commercio è disponibile anche il sistema di canalizzazione. Diffuso nelle realtà aziendali e commerciali, questo tipo di impianto comincia ad essere valutato anche dagli utenti privati che hanno necessità di mantenere costante la temperatura di grandi ambienti, anche su più livelli. Questo sistema rende uniforme la temperatura di tutto l’immobile, ma non consente di refrigerare in maniera separata le stanze. I costi di installazione sono decisamente più elevati, ma l’impatto estetico è meno evidente e la resa è ottimale.

Climatizzare grandi ambienti

Come ottenere la temperatura interna ottimale nella vostra abitazione a più piani?

Vediamo di fare insieme qualche valutazione e ricavare utili suggerimenti per effettuare la scelta migliore.

Quando vi recate presso un rivenditore, o chiedete una consulenza a domicilio, è necessario innanzitutto specificare se intendete climatizzare contemporaneamente tutta la casa, dal piano inferiore a quello superiore, oppure preferite differire gli orari di accensione degli split e le temperature sui vari livelli.

I climatizzatori con pompa di calore hanno la funzione caldo/freddo e permettono di raffreddare, o riscaldare, i piani dell’abitazione tramite lo stesso impianto.

Vi sono, poi, due diversi tipi di tecnologia per i condizionatori: quella ON-OFF, che va manovrata manualmente dall’utente, e quella INVERTER che si attiva automaticamente in base alla temperatura preimpostata. Va detto che la seconda tipologia, ormai, è la preferita in tutto il mondo poiché è in grado di mantenere costante la temperatura, garantendo un maggiore risparmio energetico.

Monosplit e multisplit

Un’altra scelta importante riguarda la scelta tra condizionatori monosplit e multisplit.

I climatizzatori monosplit constano di due elementi: un apparecchio interno e un motore esterno direttamente collegati. I multisplit, invece, offrono la possibilità di collegare più unità interne a un motore di potenza più elevata, capace di alimentare da due a più split.

Ogni split può essere regolato a temperature diverse, a seconda delle preferenze e delle necessità dell’utente.

Se la casa dispone di poche stanze, seppur divise su due livelli, si consiglia di utilizzare più apparecchi monosplit, se invece la quantità delle camere è maggiore, può essere più conveniente ed esteticamente più gradevole, adottare la tecnologia del multisplit.

Come scegliere un buon climatizzatore

In commercio esistono infinite proposte e modelli di climatizzatori. Come orientarsi per la scelta migliore? Ecco alcuni consigli utili.

La scelta per un buon condizionatore, generalmente, deve orientarsi prima di tutto sulla classe energetica più alta, in modo da garantire una riduzione dei consumi e migliorare il risparmio energetico nel breve e nel lungo periodo.

In base alla stanza in cui va collocato, poi, va preferito il modello più silenzioso possibile. Anche il motore ha una sua rumorosità e questa dipende dalla dimensione e forma delle ventole che estraggono l’aria calda esterna per immetterla nel circuito di refrigerazione.

Come detto, la tecnologia INVERTER è preferibile a quella ON-OFF, poiché permette un risparmio energetico sia nella modalità cooling, che nella modalità riscaldamento con pompa di calore.

In una casa su più piani, la potenza di raffreddamento dei condizionatori va regolata in maniera diversa e va soprattutto considerata la presenza del vano scala che può influire sul mantenimento della temperatura a ogni livello.

Quindi, potremmo dire che non esiste il condizionatore perfetto in assoluto, ma quello con le caratteristiche migliori per ogni esigenza.

In questa sezione del nostro sito potete visualizzare alcune interessanti proposte di Ariston per la realizzazione dell'impianto di climatizzazione.

Come ottimizzare le prestazioni del climatizzatore

Una volta effettuata la scelta, con la consulenza di tecnici specializzati, la resa ottimale del vostro impianto dipenderà molto anche dal suo corretto utilizzo.

Innanzitutto, bisogna evitare di impostare la temperatura dell'apparecchio al di sotto di un limite ragionevole. Una temperatura troppo bassa incide negativamente sulla vostra salute e il lavoro a massimo regime del motore è causa di aumento dei consumi energetici. È importante isolare gli ambienti dall’esterno e chiudendo le porte per evitare la dispersione termica, sia in caso di raffrescamento, che in caso di riscaldamento.

Spesso, la soluzione migliore per ottenere il giusto clima dentro casa consiste nell’impostare il climatizzatore sulla modalità di deumidificazione dell’aria, piuttosto che sulla refrigerazione. Infatti, spesso, è proprio l’umidità dell’aria che amplifica la sensazione di “caldo soffocante” che conosciamo bene nei mesi estivi. Allo stesso modo, in inverno, è bene evitare di impostare una temperatura troppo elevata e riscaldare gli ambienti più del necessario.

Installare un impianto di climatizzazione in una casa su più piani non è affatto un problema. Per ogni tipologia di casa, o appartamento, esiste infatti una soluzione ideale che non richiede strumenti speciali ed è facile da gestire.

Infine, oltre all’ampia gamma di prodotti standard potete scegliere tra diverse proposte di design che arricchiscono la vostra casa con stile, camuffando gli split interni.

Manutenzione dei climatizzatori

La manutenzione dei condizionatori monosplit e multisplit va eseguita periodicamente. È bene eseguire con cura la pulizia dei filtri e richiedere l’assistenza tecnica per il corretto trattamento degli impianti e di tutti i componenti. Ricordate anche di far controllare con scadenza regolare la pressione del gas refrigerante e segnalate tempestivamente evidenti perdite di liquidi dalle tubature.

Rivolgetevi a tecnici abilitati anche quando i prodotti sono fuori garanzia e richiedete solo ricambi originali.