Ambiente

Verde o sostenibile? Ecco le differenze

By Ariston

Sebbene i termini "verde" e "sostenibile" siano spesso utilizzati in modo intercambiabile come sinonimi, può essere utile sapere che ci sono notevoli differenze: scopriamo quali sono.

Che cosa significa “verde”?

Un edificio o una tecnologia vengono definiti “verdi” quando contribuiscono a ridurre l'impronta che lasciano sull'ambiente naturale e sugli animali che lo popolano. Nello specifico dell’ambito domestico, progettare una casa “verde” significa ricercare l’efficienza energetica, ricorrendo se necessario anche alle fonti rinnovabili come la luce del sole, l’acqua, ma anche l’aria, che oggi possiamo utilizzare attraverso le pompe di calore. Gli scaldacqua a pompa di calore con ciclo termodinamico di Ariston rappresentano infatti un nuovo standard in materia di efficienza e di riscaldamento perché utilizzano il calore dell’aria come fonte inesauribile e rinnovabile, punto di partenza per ottenere tutta l’acqua calda che serve in bagno, in cucina e per il riscaldamento dei termosifoni.

Che cosa è invece “sostenibile”?

Stando alla definizione data dall’Agenzia Usa per la difesa dell’Ambiente, è sostenibile un’azione finalizzata a creare e mantenere le condizioni per cui l’uomo può coesistere con la natura, nel presente ma anche in un tempo futuro. Una tecnologia può quindi essere detta sostenibile se è in grado di ridurre il proprio impatto sull’ambiente nel breve e nel lungo termine.
I materiali e le risorse sostenibili comportano inoltre un basso consumo energetico e per questo motivo costituiscono un elemento chiave non solo dell’agricoltura moderna, ma anche dell’architettura contemporanea: è il caso delle caldaie a condensazione progettate da Ariston, in grado di ridurre le emissioni di gas nocivi nell’atmosfera perché recuperano il calore latente in essi contenuto.

Verde e sostenibile: c’è connessione?

Date queste premesse, è perciò possibile sostenere che, pur non essendo sinonimi, i due concetti sono comunque complementari perché un prodotto “verde” può rivelarsi fondamentale per la promozione della sostenibilità ambientale, come accade per esempio nel caso degli impianti solari termici di Ariston che, utilizzando l’energia rinnovabile del sole, forniscono acqua calda sanitaria senza generare emissioni di CO2.