Caldaie http://www.ariston.com/ita/it/prodotti/caldaie it Come riparare la caldaia? 3 consigli per risolvere i problemi più comuni http://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/consigli-e-soluzioni/come-riparare-la-caldaia-3-consigli-risolvere-i-problemi-piu-0 <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>Come riparare la caldaia? 3 consigli per risolvere i problemi più comuni</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p><span style="font-size:16px;">Problemi con l’<strong>acqua calda o con il riscaldamento</strong>? Niente paura, spesso<strong> riparare la caldaia&nbsp;</strong>può rivelarsi più semplice del previsto. &nbsp;Nella maggior parte dei casi non si tratta, infatti, di veri e propri guasti ma di<strong> problemi piuttosto comuni</strong> legati alla <strong>manutenzione</strong>: ecco 3 consigli pratici per risolverli velocemente.<br /> <br /> E’ un classico: siamo sotto la doccia, pronti a regalarci un piacevole momento di relax ed ecco che, proprio sul più bello, l’<strong>acqua calda</strong> sembra svanire nel nulla. Prima di rassegnarci a un bagno gelido in pieno inverno, potremmo &nbsp;provare a seguire questi<strong> 3 semplici consigli</strong> e provare a <strong>riparare la caldaia</strong>:&nbsp;</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>Controllare la pressione della caldaia</strong><br /> Un <strong>basso livello di pressione</strong> potrebbe essere la causa della mancanza di riscaldamento o di acqua calda. Il livello ottimale di pressione, per garantire il corretto funzionamento della caldaia, non dovrebbe mai scendere al di sotto di 1 bar: per ristabilire i giusti parametri occorre agire sulla valvola annessa al rubinetto di carico (nella parte bassa del boiler). Se il problema dovesse persistere, &nbsp;si consiglia di rivolgersi a un<span style="color:#c0392b;"> <a href="/ita/it/supporto#contatti">tecnico specializzato</a></span> per evitare di compromettere ulteriormente l’impianto.&nbsp;</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>Verificare le condizioni delle guarnizioni</strong><br /> Talvolta può capitare che la caldaia&nbsp;perda acqua: se questo accade, niente panico, nella maggior parte dei casi potrebbe trattarsi di usura delle guarnizioni della pompa di circolazione, che &nbsp;dovranno essere sostituite. Se il problema persiste potrebbe invece essere il caso di cambiare la caldaia&nbsp;stessa: potremmo approfittarne per puntare su una caldaia a condensazione come <a href="/ita/it/prodotti/caldaie/caldaie-condensazione/alteas-one-net"><span style="color:null;">Alteas One NET</span></a>&nbsp;di Ariston, la scelta ideale per ridurre fino al <strong>40% le nostre spese</strong>* mensili e aumentare la nostra attenzione verso <strong>l’ambiente</strong>.</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>Riprogrammare le impostazioni della caldaia</strong><br /> &nbsp;Il mal funzionamento della caldaia&nbsp;potrebbe, infine, essere dovuto anche a un <strong>guasto momentaneo dell’impianto elettrico</strong>: potrebbe perciò rivelarsi utile <strong>reimpostare le coordinate </strong>originali, utilizzando il manuale di istruzioni.</span></p> <p><br /> <span style="font-size:16px;"><a href="/ita/it/supporto#downloadmateriali">Clicca qui </a>per trovare il <strong>libretto di istruzioni</strong> del tuo modello di caldaia Ariston.</span></p> <p><span style="font-size:16px;">*Confronto tra una caldaia convenzionale senza cronotermostato o con una programmazione costante della temperatura e una a condensazione con funzione auto attiva, sonda esterna e controllata da <a href="http://ariston2012.wslabs.it/viewdoc.aspx?ente=1&co_id=3372&preview=true">Ariston NET.</a> Il calcolo del risparmio si basa su un fabbisogno annuo medio per una casa monofamiliare di 100mq con radiatori in classe F situata a Milano.</span><br /> &nbsp;</p></div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>giorgio</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Gio, 02/22/2018 - 23:02</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Thu, 22 Feb 2018 22:02:08 +0000 giorgio 5339 at http://www.ariston.com Come verificare se l’impianto di riscaldamento stia funzionando correttamente? https://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/consigli-e-soluzioni/come-verificare-se-limpianto-di-riscaldamento-stia-funzionando <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>Come verificare se l’impianto di riscaldamento stia funzionando correttamente?</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p>Ritrovarsi senza acqua calda e con i termosifoni spenti è senza dubbio un’esperienza poco piacevole che tutti ci augureremmo di non dover provare. Ecco quindi 4 semplici consigli per verificare se l’impianto di riscaldamento stia funzionando correttamente.1. Controlliamo il livello di pressione dell’acqua della caldaia<br /> <br /> <strong>1. Controlliamo il livello di pressione dell’acqua della caldaia</strong><br /> <br /> Se possediamo una caldaia di tipo tradizionale, è buona norma controllare periodicamente il livello della pressione dell’acqua, che dovrebbe essere sempre sotto ai 2 bar: qualora il valore fosse superiore, per riportarlo alla normalità dovremo aprire le valvole dei caloriferi e far uscire acqua calda fino a quando la pressione non diminuirà.<br /> <br /> <strong>2. Verifichiamo che il termostato sia effettivamente collegato alla caldaia</strong><br /> <br /> Dopo aver programmato il termostato, accertiamoci che durante le diverse fasi della giornata, l’impianto di riscaldamento segua le indicazioni del termostato. Per questo motivo Ariston ha progettato sistemi di termoregolazione all’avanguardia come <a href="https://www.ariston.com/ita/it/prodotti/caldaie/termoregolazione/cube-s-net">CUBE S Net</a>, in grado di gestire e <strong>programmare la caldaia da remoto</strong>, grazie all<a href="http://old.ariston.com/it/ariston-net">’App Ariston Net</a>, segnalando tempestivamente anche eventuali malfunzionamenti e offrendo un servizio di <strong>assistenza tecnica online</strong>.<br /> <br /> <strong>3. Dopo l’accensione della caldaia verifichiamo il funzionamento dei radiatori</strong><br /> <br /> Talvolta può verificarsi la formazione di bolle d’aria che impediscono una distribuzione omogenea del calore all’interno dei caloriferi: per risolvere tempestivamente questo inconveniente il consiglio è di controllare il funzionamento di tutti i radiatori circa mezz’ora dopo aver attivato la caldaia e procedere a eliminare l’aria residua. Se dopo questa operazione la pressione della caldaia risultasse troppo bassa (sotto 1 bar) potremo alzarne i valori aprendo gradualmente il rubinetto dell’acqua presente sulla caldaia, fino a raggiungere il valore di circa 1,2 bar.<br /> <br /> <strong>4. Accertiamoci che non vi siano perdite di acqua sotto alla caldaia o ai caloriferi</strong><br /> <br /> Se questa evenienza dovesse verificarsi, meglio evitare interventi fai da te, ma contattare immediatamente un tecnico specializzato. In linea generale, comunque, il consiglio è di sottoporre la caldaia a controlli e a test annuali, circa un mese prima della stagione fredda, per accertarci che funzioni correttamente. Nella maggior parte dei casi, infatti, il malfunzionamento è dovuto alla vetustà dell’impianto, che necessita di essere sostituito: in tal caso potremmo prendere in considerazione l’idea di sostituire la caldaia con un innovativo modello a <strong>condensazione</strong>, in grado di offrire un maggiore rendimento termico, a fronte di un maggiore risparmio energetico: <a href="https://www.ariston.com/ita/it/prodotti/caldaie/caldaie-condensazione#taxonomy-product-menu">le caldaie a condensazione di Ariston</a>, per esempio, permettono di <strong>ridurre le emissioni nocive</strong> del 75% e il <strong>consumo energetico</strong> fino al 35%.</p> </div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>veronica.guaita</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Ven, 12/14/2018 - 17:26</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Fri, 14 Dec 2018 16:26:20 +0000 veronica.guaita 5326 at http://www.ariston.com Come scegliere il termostato giusto per le nostre esigenze? https://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/consigli-e-soluzioni/come-scegliere-il-termostato-giusto-le-nostre-esigenze <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>Come scegliere il termostato giusto per le nostre esigenze?</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p>Generalmente ci si occupa del termostato solo quando presenta qualche problema e smette di funzionare correttamente. Per questo motivo è molto importante sceglierlo con attenzione al momento dell’acquisto, per evitare che si riveli poco adatto alle nostre esigenze o addirittura si guasti dopo poco tempo.<br /> Ecco allora alcuni consigli pratici per aiutarci nella scelta del termostato giusto per le nostre esigenze.<br /> <br /> Un buon termostato permette non solo di poter contare su una temperatura costante nei diversi ambienti della nostra casa, ma consente anche di ottenere maggiore efficienza energetica, evitando gli sprechi, perché si attiva in caso di effettiva necessità. Il termostato ha infatti la funzione di valutare le variazioni climatiche causate da diversi fattori, come la luce del sole, le correnti d’aria e i sistemi di riscaldamento domestico. Quando si tratta di acquistarne uno nuovo è quindi opportuno ricordare qualche semplice regola:<br /> <br /> <strong>1. Analizzare le proprie abitudini quotidiane</strong><br /> Rilevazione e programmazione della temperatura interna, gestione dell’acqua calda sanitaria, accensione da remoto: durante l’anno possono essere tante e diverse le nostre esigenze in termini di comfort termico e di conseguenza in fatto di termostato. Se per esempio stiamo molto tempo fuori casa e desideriamo trovarla calda al nostro rientro, senza però sprecare energia inutilmente, possiamo puntare su un termostato che possa essere gestito attraverso una APP, come <a href="http://old.ariston.com/it/ariston-net">Ariston Net</a>, che consente di dialogare con la caldaia via smartphone, segnalando tempestivamente anche eventuali malfunzionamenti e offrendo un servizio di <strong>assistenza tecnica online.</strong><br /> <br /> <strong>2. Distinguere tra i diversi tipi di termostato</strong><br /> Oggi sul mercato la maggior parte dei termostati è dotata di un display digitale che consente di conoscere e programmare con precisione la temperatura in casa. La differenza maggiore consiste nella possibilità di installare il dispositivo con o senza fili e nell'offerta di servizi: scopri qui la gamma dei <strong>termostati wireless di Ariston</strong>, dal design moderno, tecnologicamente avanzati e ricchi di funzioni come il meteo internet o il display touch, per una facile e immediata gestione del comfort.<br /> <br /> <strong>3. Tenere conto delle caratteristiche del proprio sistema di riscaldamento</strong><br /> Prima di procedere all’acquisto è fondamentale capire quale sia il tipo di termostato adatto alle caratteristiche del nostro sistema di riscaldamento. Se per esempio abbiamo installato una pompa di calore o, oltre alla caldaia anche dei pannelli solari, la soluzione ideale potrebbe essere un termostato connesso a un sistema di gestione avanzato come <a href="https://www.ariston.com/ita/it/prodotti/caldaie/termoregolazione/sensys">Sensys di Ariston</a>, il gestore di sistema che permette di dialogare con altri prodotti e di gestire differenti fonti di energia o moduli di gestione a zona.</p> </div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>veronica.guaita</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Ven, 12/14/2018 - 15:25</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Fri, 14 Dec 2018 14:25:44 +0000 veronica.guaita 5321 at http://www.ariston.com Una App per gestire il comfort della casa con un semplice click, sempre e dovunque https://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/home-living/una-app-gestire-il-comfort-della-casa-con-un-semplice-click-sempre-e <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>Una App per gestire il comfort della casa con un semplice click, sempre e dovunque</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p style="margin:0cm 0cm 8pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Una App per gestire il comfort della casa con un semplice click, sempre e dovunque</span></span></span></span></b></span></span></span></p> <div style="border-bottom:dotted windowtext 3.0pt; padding:0cm 0cm 1.0pt 0cm"> <p style="border:none; padding:0cm; margin:0cm 0cm 8pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Quando si parla di casa intelligente la mente subito corre ad ambientazioni fantascientifiche, con dimore futuristiche, dotate di ogni comodità, ma impersonali, fredde e asettiche. Oggi invece sappiamo che la realtà ha avuto ancora più fantasia, perché ormai, grazie all’home automation, possiamo contare su soluzioni innovative ad alto contenuto tecnologico, senza dover rinunciare alla comodità e al piacere di vivere &nbsp;in un ambiente accogliente. Il tutto, naturalmente, a portata di mano con una semplice App, che permette di gestire le diverse funzioni della casa, compresi il <b>riscaldamento e l’acqua calda</b>: scopriamo insieme quanto possa essere facile trasformare la nostra abitazione nella casa del futuro!</span></span></span></span></span></span></span></p> <ul> <li style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">ll riscaldamento: quando e dove vogliamo</span></span></span></span></b></span></span></span></li> </ul> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Ammettiamolo, ci sono delle sere in cui tornare a casa dopo un’intensa giornata di lavoro non è così rilassante come invece dovrebbe essere. Il motivo lo conosciamo bene: in inverno, abbiamo spesso la sensazione di entrare in una ghiacciaia, a causa del freddo, &nbsp;al contrario in estate l’effetto forno è assicurato! Certo, è possibile programmare il termostato, ma ci sono sempre le sorprese come per esempio un calo non previsto delle temperature, in un giorno iniziato con il sole, oppure un guasto improvviso dello scaldacqua. Per riuscire a gestire tutto questo, oggi possiamo contare su App molto funzionali, come per esempio Ariston Net, che permettono di </span></span></span></span><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">controllare le impostazioni della caldaia e programmare nel modo più efficiente la variazione di temperatura del <b>riscaldamento</b> e <b>dell’acqua calda sanitaria</b>, sempre e ovunque ci troviamo.</span></span></span></span></span></span></span></p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt">&nbsp;</p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt">&nbsp;</p> <ul> <li style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Ariston Net: una garanzia di efficienza </span></span></span></span></b></span></span></span></li> </ul> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Con Ariston Net possiamo controllare le impostazioni della caldaia e programmare nel modo più efficiente la variazione di temperatura del riscaldamento dell’ambiente e dell’acqua da smartphone o PC. E per ottenere un maggior risparmio energetico è possibile collegare Ariston Net alle nuove caldaie a condensazione: la scelta ideale non solo per risparmiare ma anche per ridurre le emissioni nocive.</span></span></span></span></span></span></span></p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt">&nbsp;</p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Monitoraggio dei consumi</span></span></span></span></b></span></span></span></p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Con l’App Ariston Net possiamo monitorare costantemente i consumi, ottenendo anche consigli per migliorare l’efficienza energetica della nostra casa.</span></span></span></span></span></span></span></p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt">&nbsp;</p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Gestione dei problemi</span></span></span></span></b></span></span></span></p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Niente più chiamate al tecnico, ci pensa la nostra App! Ariston Net segnala infatti eventuali malfunzionamenti inviando la descrizione del guasto al Centro Assistenza, che procederà a risolverlo da remoto o a chiamarci per fissare un intervento a domicilio.</span></span></span></span></span></span></span></p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Inoltre, ci ricorda l’appuntamento per effettuare la manutenzione annuale.</span></span></span></span></span></span></span></p> <p style="margin:0cm 0cm 0.0001pt 36pt">&nbsp;</p> <p style="margin:0cm 0cm 8pt 36pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">Scopri qui come scaricare </span></span></span></span><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><a href="http://www.ariston.com/it/ariston-net)" style="color:blue; text-decoration:underline"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="color:black">Ariston Net</span></span></span></a></span><span class="MsoHyperlink" style="color:blue"><span style="text-decoration:underline"><span style="font-size:13.0pt"><span style="line-height:107%"><span style="font-family:&quot;Proxima Nova&quot;"><span style="color:black">.</span></span></span></span></span></span></span></span></span></p> <p style="border:none; padding:0cm; margin:0cm 0cm 8pt">&nbsp;</p> <p style="border:none; padding:0cm; margin:0cm 0cm 8pt">&nbsp;</p> <p style="border:none; padding:0cm; margin:0cm 0cm 8pt">&nbsp;</p> <p style="border:none; padding:0cm; margin:0cm 0cm 8pt">&nbsp;</p> </div> </div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>ester.pampari</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Lun, 07/09/2018 - 16:19</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Mon, 09 Jul 2018 14:19:04 +0000 ester.pampari 1726 at http://www.ariston.com La temperatura ideale da tenere in casa https://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/home-living/la-temperatura-ideale-da-tenere-casa <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>La temperatura ideale da tenere in casa</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p style="margin-top:12.0pt; margin-right:0cm; margin-bottom:12.0pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Quante volte capita di andare a casa di un parente mentre fuori c’è il gelo e percepire all’interno delle mura domestiche un calore eccessivo e per certi versi inspiegabile? E quante, invece, in una calda giornata di fine luglio, varchiamo l’uscio dell’abitazione di un amico e ci accorgiamo che il condizionatore è impostato a una temperatura eccessivamente bassa che ci fa sentire freddo? Queste riflessioni sono alla base di un quesito che, troppo spesso, dimentichiamo di porci: qual è la temperatura ideale da tenere in casa? Mentre si tenta di rispondere a questa domanda, è bene fare alcune considerazioni aggiuntive che ci porteranno, poi, ad avere un quadro più chiaro della questione.</span></span></span></span></span></p> <p style="margin-top:14.95pt; margin-right:0cm; margin-bottom:14.95pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span lang="IT" style="font-size:18.0pt"><span style="color:black">Esiste un unico valore di temperatura ideale?</span></span></b></span></span></span></p> <p style="margin-top:12.0pt; margin-right:0cm; margin-bottom:12.0pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Facendo riferimento al contenuto dei decreti legislativi 412/93 e 551/99, in Italia la temperatura ideale da avere in casa è di 20 gradi, con un margine di tolleranza di 2 gradi, sia per difetto che per eccesso (in altri termini, una temperatura che sia compresa tra i 18 e i 22 gradi). A corredare questi numeri, va detto che le stanze non devono avere tutte la stessa temperatura, anzi. Ad esempio in cucina, stanza nella quale ci si trova a dover utilizzare spesso il piano cottura e il forno, la temperatura ideale può fermarsi attorno ai 18 gradi. Allo stesso modo, in camera da letto la temperatura migliore può essere considerata 16 gradi: questo per migliorare la qualità del sonno ed eludere eventuali problemi, soprattutto circolatori. Inoltre, la temperatura percepita è spesso influenzata dal grado di umidità: quando eccessivamente alto o basso potrebbero nascere problemi di vario tipo, a seconda del livello raggiunto. Infine, la temperatura ideale è diversa (anche se non di tanto) in funzione dell’ora del giorno. Dev’essere, infatti, inferiore di circa 2-3 gradi di notte rispetto alla temperatura durante le ore mattutine. Questo per evitare disturbi come emicranie, irritazioni alla pelle e problemi respiratori.</span></span></span></span></span></p> <p style="margin-top:14.95pt; margin-right:0cm; margin-bottom:14.95pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span lang="IT" style="font-size:18.0pt"><span style="color:black">Quando prevale il buon senso</span></span></b></span></span></span></p> <p style="margin-top:12.0pt; margin-right:0cm; margin-bottom:12.0pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Sul tema si è espressa anche l’Organizzazione Mondiale per la Sanità, che ha individuato in 21 °C il valore ottimale della temperatura da tenere in casa. Al di là degli aspetti normativi, tuttavia, dev’essere anche il nostro buon senso a suggerirci come agire: tenere accesi i termosifoni per tante ore in inverno quando sappiamo che saremo fuori, o utilizzare il condizionatore anche quando, in realtà, non fa troppo caldo sono comportamenti oggettivamente sbagliati e che contribuiscono a consumare energia inutilmente, spesso in maniera nociva nei confronti dell’ambiente. Così com’è giusto impostare la temperatura tra le pareti domestiche in funzione delle persone che ci abitano: particolare attenzione, ad esempio, va posta se in casa ci sono dei neonati, per i quali è preferibile una temperatura leggermente più alta (tra i 20 e i 22 gradi, senza superare questo limite per non incorrere in una possibile infezione alle vie respiratorie).</span></span></span></span></span></p> <p style="margin-top:14.95pt; margin-right:0cm; margin-bottom:14.95pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span lang="IT" style="font-size:18.0pt"><span style="color:black">Non solo la temperatura, anche l’umidità</span></span></b></span></span></span></p> <p style="margin-top:12.0pt; margin-right:0cm; margin-bottom:12.0pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Oltre alla temperatura, è fondamentale tenere sempre sott’occhio anche la ventilazione e soprattutto il livello di umidità presente in casa, come già anticipato. È consigliabile mantenere, per il benessere del nostro corpo, un tasso di umidità intorno al 40-50%. Il valore ideale per una persona varia in funzione di diversi fattori, come l’età, lo stato di salute e l’attività fisica svolta in quel determinato frangente. Uno dei consigli utili al riguardo è quello di aprire le finestre per alcuni minuti prima di andare a letto o quando si è da poco svegli. Un’umidità eccessiva (sopra l’80%) porta a percepire una sensazione di caldo afoso quando la temperatura è alta, o di freddo umido nei mesi invernali. Viceversa, un tasso inferiore al 20% conduce a problemi respiratori e difficoltà di salivazione.</span></span></span></span></span></p> <p style="margin-top:14.95pt; margin-right:0cm; margin-bottom:14.95pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span lang="IT" style="font-size:18.0pt"><span style="color:black">Ragioni per cui è importante controllare la temperatura in casa</span></span></b></span></span></span></p> <p style="margin-top:12.0pt; margin-right:0cm; margin-bottom:12.0pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Ma perché è sbagliato tenere in casa una temperatura significativamente superiore (o inferiore) al valore ottimale di 20 gradi? I motivi sono di diversa natura e riguardano principalmente la salute, gli sprechi energetici e gli impatti sull’ambiente:</span></span></span></span></span></p> <ul> <li style="margin-bottom:.0001pt; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Un’eccessiva differenza tra temperatura esterna e interna può portare molto più facilmente a un abbassamento delle difese immunitarie e, di conseguenza, a inconvenienti come raffreddori e bronchiti, ad esempio, o al rischio di contrarre patologie respiratorie nei casi più gravi. Il controllo degli sbalzi termici è assolutamente necessario per limitare o evitare tali situazioni. Inoltre, impostare una temperatura corretta preclude la formazione di muffe, nocive in particolare per i bambini</span></span></span></span></span></li> <li style="margin-bottom:.0001pt; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Il consumo energetico dovuto principalmente al riscaldamento o al rinfrescamento delle stanze può essere ridotto notevolmente, mantenendo la temperatura al suo livello ideale. A questo aspetto segue direttamente un risparmio in termini di spese domestiche. Per risparmiare sulla bolletta del gas è consigliabile effettuare una manutenzione costante della caldaia e del termostato, installare infissi isolanti e cambiare l’aria nelle stanze in determinati momenti della giornata (quando non è accesso il sistema di riscaldamento, in modo da evitare dispersione di calore)</span></span></span></span></span></li> <li style="margin-bottom:.0001pt; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Limitando i consumi energetici volti a riscaldare le abitazioni, ogni famiglia può contribuire a diminuire l'impatto sull’ambiente, in quanto si riducono le emissioni di inquinanti. Questo discorso vale, in particolare, quando si fa ampio ricorso a fonti non rinnovabili e a tecnologie di bassa qualità per produrre calore in casa. A questo proposito, i </span><a href="//www.ariston.com/ita/it/prodotti/solare-termico"><span style="color:#0000cc">pannelli solari termici</span></a><span style="color:black"> per produrre acqua calda rappresentano un'ottima soluzione, grazie anche alla loro indiscutibile efficienza.</span></span></span></span></span></li> </ul> <p style="margin-top:14.95pt; margin-right:0cm; margin-bottom:14.95pt; margin-left:0cm; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><b><span lang="EN-US" style="font-size:18.0pt"><span style="color:black">Alcuni consigli utili</span></span></b></span></span></span></p> <ul> <li style="margin-bottom:.0001pt; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Considerando il fatto che, a ogni stanza della casa corrisponde una temperatura media ideale differente, può essere utile installare sui termosifoni delle valvole termostatiche per variare la temperatura nei diversi spazi domestici</span></span></span></span></span></li> <li style="margin-bottom:.0001pt; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">È decisamente consigliato lasciare non meno di 50-60 centimetri tra una fonte di calore e il letto o il divano dove trascorriamo molto tempo: questo per permettere una corretta diffusione di calore</span></span></span></span></span></li> <li style="margin-bottom:.0001pt; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Gioca un ruolo fondamentale, per vivere con maggiore sicurezza, regolare correttamente il termostato, evitando di impostare temperature inutilmente alte e che ci portano a stare a maniche corte quando il clima è tipicamente invernale</span></span></span></span></span></li> <li style="margin-bottom:.0001pt; margin:0cm 0cm 10pt"><span style="font-size:11pt"><span style="line-height:normal"><span style="font-family:Calibri,sans-serif"><span lang="IT" style="font-size:12.0pt"><span style="color:black">Infine, tenere la caldaia al minimo aiuta a migliorarne i tassi di rendimento, evitando sprechi inutili e migliorando la qualità della nostra vita.</span></span></span></span></span></li> </ul> </div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>fortop.seo</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Mer, 05/09/2018 - 19:26</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Wed, 09 May 2018 17:26:09 +0000 fortop.seo 1062 at http://www.ariston.com Come scegliere la caldaia più adatta alle nostre esigenze? http://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/consigli-e-soluzioni/come-scegliere-la-caldaia-piu-adatta-alle-nostre-esigenze <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>Come scegliere la caldaia più adatta alle nostre esigenze?</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p><span style="font-size:16px;">Quando si tratta di <strong>scegliere la caldaia</strong>&nbsp;per la nostra casa è importante tenere in considerazione diversi fattori. La giusta caldaia è, infatti, quella che meglio incontra le nostre esigenze e il nostro stile di vita. &nbsp;Scopriamo allora insieme ad Ariston, lo specialista del comfort abitativo, quali aspetti occorre valutare per essere sicuri di <strong>scegliere la caldaia&nbsp;più adatta</strong>&nbsp;alle nostre esigenze.<br /> <br /> <strong>La potenza della caldaia</strong><br /> La potenza della caldaia dovrebbe essere adeguata alle dimensioni della nostra casa, al numero di bagni e al numero di radiatori.&nbsp;<br /> Una caldaia<strong>&nbsp;</strong>troppo poco potente potrebbe infatti non essere in grado di riscaldare adeguatamente la casa o di produrre sufficiente acqua calda. Viceversa, un modello troppo potente emette più calore del necessario, determinando uno spreco eccessivo di energia, un incremento dei costi in bolletta e, di conseguenza, inutili emissioni nell’aria.&nbsp;</span></p> <p><span style="font-size:16px;">In generale, maggiore è il numero dei radiatori e dei bagni presenti nell’abitazione e maggiore dovrà essere la potenza della caldaia.<br /> Ad esempio, stando ai dati stimati dall’Associazione britannica che rappresenta i principali installatori di caldaie, i bisogni adeguati per le diverse tipologie di casa sono i seguenti:</span></p> <ul> <li><span style="font-size:16px;"><strong>abitazione di piccole dimensioni</strong> (1-2 camere da letto) - fino a 10 radiatori, 1 bagno - un boiler con una potenza pari a 24-27Kw;</span></li> <li><span style="font-size:16px;"><strong>abitazione di medie dimensioni </strong>(3-4 camere da letto) - fino a 15 radiatori, 1-2 bagni - un boiler con una potenza pari a 28-34Kw;</span></li> <li><span style="font-size:16px;"><strong>abitazione di grandi dimensioni</strong>&nbsp;(4 o più camere da letto) - fino a 20 radiatori, 2 o più bagni - un boiler con una potenza pari a 35-42Kw.</span></li> </ul> <p><span style="font-size:16px;">Inoltre per orientarci nella scelta, qui potremmo trovare un utile strumento, che ci permetterà di individuare la caldaia<strong>&nbsp;</strong>più adatto alle nostre esigenze.</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>Le nostre abitudini quotidiane</strong><br /> Come capire qual è la<strong>&nbsp;caldaia adatta</strong>&nbsp;a noi? Se si tratta di una sostituzione, un buon punto di partenza potrebbe essere quello di acquistare una caldaia&nbsp;della stessa capacità del modello precedente. Tuttavia nel corso degli anni molte condizioni potrebbero essere cambiate, comprese le nostre abitudini e i nostri bisogni. Per esempio da coppia potremmo essere diventati una famiglia, o, al contrario, i nostri figli sono diventati grandi e abitano fuori casa quindi non è più necessario riscaldare tutti gli ambienti.&nbsp;</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>Il nostro stile di vita</strong><br /> La quotidianità oggi impone ritmi di vita molto più serrati rispetto a una sola decina d’anni fa, rendendo molto difficile la gestione della casa. Così anche la programmazione dell’accensione dell’impianto di riscaldamento può rivelarsi un’impresa complessa. Per fortuna, oggi, grazie alla tecnologia è possibile accendere, spegnere e variare la temperatura&nbsp;della caldaia anche quando si è al<strong> lavoro o in viaggio</strong>. Il nuovo servizio&nbsp;Ariston NET, per esempio, permette di gestire in piena autonomia e in assoluta tranquillità il nostro impianto di riscaldamento. Tramite smartphone, ad oggi, possiamo, infatti, avere il controllo assoluto della temperatura di casa e ottenere il massimo comfort con poche e semplici mosse: <a href="http://ariston2012.wslabs.it/viewdoc.aspx?ente=1&amp;co_id=3372&amp;preview=true">scopri <span style="color:null;">qui</span></a><span style="color:#c0392b;"> </span>come funziona.&nbsp;</span><br /> &nbsp;</p> </div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>giorgio</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Gio, 02/22/2018 - 22:57</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Thu, 22 Feb 2018 21:57:47 +0000 giorgio 200 at http://www.ariston.com 5 semplici trucchi per risparmiare sul riscaldamento http://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/consigli-e-soluzioni/5-semplici-trucchi-risparmiare-sul-riscaldamento <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>5 semplici trucchi per risparmiare sul riscaldamento </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p><span style="font-size:16px;">In inverno, con il riscaldamento accesso, i <strong>costi delle bollette</strong> di gas e elettricità sembrano uscire dal nostro controllo. In realtà, con un minimo di attenzione e qualche piccolo trucco, ridurre la dispersione del calore e <strong>risparmiare sulle spese</strong> non è poi così difficile. Scopriamo come fare insieme ad <strong>Ariston</strong>, vero specialista del calore, per regalare garantire comfort a ogni ambiente della casa e, al contempo, risparmiare sulla bolletta.</span></p> <p><span style="font-size:16px;">1.&nbsp;<strong>Riduciamo la fessura della porta d’ingresso</strong><br /> Facciamo una prova, chiniamoci a osservare la fessura tra la porta d’ingresso e il pavimento: se entra luce dall’esterno significa che l’apertura è eccessiva e consente all’aria fredda di entrare in casa, disseminando gran parte del calore. In questo caso intervenire è piuttosto facile, perché basterà stringere i perni delle cerniere per regolare l’altezza della porta e ridurre così l’intercapedine.<br /> In alternativa, se la porta non consente questo intervento, potremmo fissare alla parte inferiore una striscia di alluminio dello stesso spessore della fessura.&nbsp;</span></p> <p><span style="font-size:16px;">2. <strong>Eliminiamo lo spiffero proveniente dalle prese elettriche</strong></span></p> <p><span style="font-size:16px;">Forse non tutti sanno che gli alloggiamenti delle prese elettriche costituiscono un luogo preferenziale per la formazione degli spifferi. Queste cavità incanalano infatti l’aria, diffondendola nei vari ambienti della casa. Per eliminare il problema, rimuoviamo la mascherina dell’interruttore e riempiamo gli spazi vuoti con materiale isolante.</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>3. Utilizziamo i cronotermostati</strong><br /> Il risparmio ottenuto grazie ai cronotermostati è notevole. Impostando infatti il termostato su una temperatura di circa <strong>15 gradi per almeno 8 ore</strong> durante la giornata (di notte o quando siamo fuori), potremmo ottimizzare il funzionamento dell’impianto e ridurre in modo significativo i costi in bolletta. Inoltre, i modelli wi-fi di ultima generazione come <a href="/ita/it/prodotti/caldaie/termoregolazione/cube-s-net">Ariston Cube S NET</a> rilevano, tramite internet, la temperatura esterna consentendoci di regolare il riscaldamento di casa con maggiore efficienza.</span></p> <p><span style="font-size:16px;">4. <strong>Blocchiamo le doppie ante di porte e finestre</strong><br /> Ricordiamoci di bloccare sempre con l’apposito perno le ante di finestre e doppie porte: chiuderle a chiave non basta. Perché, se non fissate nella parte inferiore (e, nel caso delle porte, anche superiore), con il vento le ante potrebbero comunque lasciar filtrare aria dall’esterno, riducendo così l’<strong>efficienza del sistema di riscaldamento</strong>.</span></p> <p><span style="font-size:16px;">Oggi tenere sotto controllo e mantenere in efficienza il riscaldamento è ancor più facile: clicca qui per scoprire tutte le potenzialità di <a href="http://ariston2012.wslabs.it/viewdoc.aspx?ente=1&amp;co_id=3372&amp;preview=true"><strong>Ariston NET</strong></a>, l’innovativo sistema che permette di controllare le impostazioni della <a href="//www.ariston.com/ita/it/prodotti/caldaie">caldaia </a>e programmare con lo smartphone o il pc le eventuali variazioni di temperatura.</span></p> <p><span style="font-size:16px;">5. <strong>Facciamo entrare i raggi del sole in casa</strong><br /> Il sole ci sembra un lontano ricordo? Con qualche piccolo accorgimento possiamo catturare i suoi raggi e farli entrare in casa nostra persino in inverno, durante i mesi più freddi! Durante il giorno, per esempio, teniamo le imposte aperte e le tapparelle alzate, specialmente nelle stanze esposte a sud. In questo modo potremo far entrare quanto più calore naturale possibile e ridurre le temperature dell’impianto di riscaldamento. Un consiglio: per massimizzare il risparmio di energia, tagliamo eventualmente i rami o gli arbusti che bloccano l’ingresso della luce solare dalle finestre.</span><br /> &nbsp;</p> </div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>giorgio</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Gio, 02/22/2018 - 22:29</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Thu, 22 Feb 2018 21:29:21 +0000 giorgio 194 at http://www.ariston.com Come riparare la caldaia? 3 consigli per risolvere i problemi più comuni http://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/consigli-e-soluzioni/come-riparare-la-caldaia-3-consigli-risolvere-i-problemi-piu <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>Come riparare la caldaia? 3 consigli per risolvere i problemi più comuni</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p><span style="font-size:16px;">Problemi con l’<strong>acqua calda o con il riscaldamento</strong>? Niente paura, spesso<strong> riparare la caldaia&nbsp;</strong>può rivelarsi più semplice del previsto. &nbsp;Nella maggior parte dei casi non si tratta, infatti, di veri e propri guasti ma di<strong> problemi piuttosto comuni</strong> legati alla <strong>manutenzione</strong>: ecco 3 consigli pratici per risolverli velocemente.<br /> <br /> E’ un classico: siamo sotto la doccia, pronti a regalarci un piacevole momento di relax ed ecco che, proprio sul più bello, l’<strong>acqua calda</strong> sembra svanire nel nulla. Prima di rassegnarci a un bagno gelido in pieno inverno, potremmo &nbsp;provare a seguire questi<strong> 3 semplici consigli</strong> e provare a <strong>riparare la caldaia</strong>:&nbsp;</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>Controllare la pressione della caldaia</strong><br /> Un <strong>basso livello di pressione</strong> potrebbe essere la causa della mancanza di riscaldamento o di acqua calda. Il livello ottimale di pressione, per garantire il corretto funzionamento della caldaia, non dovrebbe mai scendere al di sotto di 1 bar: per ristabilire i giusti parametri occorre agire sulla valvola annessa al rubinetto di carico (nella parte bassa del boiler). Se il problema dovesse persistere, &nbsp;si consiglia di rivolgersi a un<span style="color:#c0392b;"> <a href="/ita/it/supporto#contatti">tecnico specializzato</a></span> per evitare di compromettere ulteriormente l’impianto.&nbsp;</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>Verificare le condizioni delle guarnizioni</strong><br /> Talvolta può capitare che la caldaia&nbsp;perda acqua: se questo accade, niente panico, nella maggior parte dei casi potrebbe trattarsi di usura delle guarnizioni della pompa di circolazione, che &nbsp;dovranno essere sostituite. Se il problema persiste potrebbe invece essere il caso di cambiare la caldaia&nbsp;stessa: potremmo approfittarne per puntare su una caldaia a condensazione come <a href="/ita/it/prodotti/caldaie/caldaie-condensazione/alteas-one-net"><span style="color:null;">Alteas One NET</span></a>&nbsp;di Ariston, la scelta ideale per ridurre fino al <strong>40% le nostre spese</strong>* mensili e aumentare la nostra attenzione verso <strong>l’ambiente</strong>.</span></p> <p><span style="font-size:16px;"><strong>Riprogrammare le impostazioni della caldaia</strong><br /> &nbsp;Il mal funzionamento della caldaia&nbsp;potrebbe, infine, essere dovuto anche a un <strong>guasto momentaneo dell’impianto elettrico</strong>: potrebbe perciò rivelarsi utile <strong>reimpostare le coordinate </strong>originali, utilizzando il manuale di istruzioni.</span></p> <p><br /> <span style="font-size:16px;"><a href="/ita/it/supporto#downloadmateriali">Clicca qui </a>per trovare il <strong>libretto di istruzioni</strong> del tuo modello di caldaia Ariston.</span></p> <p><span style="font-size:16px;">*Confronto tra una caldaia convenzionale senza cronotermostato o con una programmazione costante della temperatura e una a condensazione con funzione auto attiva, sonda esterna e controllata da <a href="http://ariston2012.wslabs.it/viewdoc.aspx?ente=1&co_id=3372&preview=true">Ariston NET.</a> Il calcolo del risparmio si basa su un fabbisogno annuo medio per una casa monofamiliare di 100mq con radiatori in classe F situata a Milano.</span><br /> &nbsp;</p></div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>giorgio</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Gio, 02/22/2018 - 23:02</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Thu, 22 Feb 2018 22:02:08 +0000 giorgio 202 at http://www.ariston.com 5 consigli per risparmiare energia quando fa freddo https://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/consigli-e-soluzioni/5-consigli-risparmiare-energia-quando-fa-freddo <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>5 consigli per risparmiare energia quando fa freddo </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p>Come risparmiare energia senza rinunciare ad avere una casa calda? Scopriamolo insieme con questi 5 semplici consigli pratici che potranno aiutarci a ridurre i consumi e i costi del riscaldamento grazie a poche semplici mosse.</p> <p><strong>1. Regoliamo la temperatura a seconda dei momenti della giornata</strong></p> <p>Nelle ore notturne o quando siamo fuori casa impostiamo il termostato a una temperatura non superiore ai 10°-15°: potremo risparmiare fino al 10% sul costo della bolletta del riscaldamento. E con un termostato Wi-Fi, come per esempio l’innovativo <a href="/ita/it/prodotti/caldaie/termoregolazione/cube-s-net">Cube S Net di Ariston</a>, è anche possibile gestire comodamente da remoto la temperatura di casa, in modo da poter assicurare il massimo comfort termico, esclusivamente quando siamo in casa, riducendo così gli sprechi.</p> <p><strong>2. Individuiamo le possibili fonti di dispersione del calore</strong></p> <p>Analizziamo con attenzione porte e finestre, per cercare di individuare e sigillare eventuali fessure che potrebbero causare perdite d’aria, disperdendo così il calore ed aumentando i consumi per il riscaldamento.</p> <p><strong>3. Occupiamoci costantemente della manutenzione dell’impianto di riscaldamento</strong></p> <p>Non aspettiamo che l’impianto di riscaldamento si guasti, ma pianifichiamo controlli periodici con un tecnico specializzato. In particolare, è importante fissare una revisione generale della caldaia prima dell’accensione, così da assicurarsi del suo corretto funzionamento. Spesso infatti sono presenti incrostazioni e depositi di impurità che nel lungo termine potrebbero ostacolare la trasmissione uniforme del calore, causando uno spreco di energia. E se i consumi continuano ad essere eccessivi, forse è giunto il momento di cambiare il nostro vecchio impianto di riscaldamento: scopriamo <a href="/ita/it/prodotti/caldaie">qui</a> le soluzioni di Ariston, in grado di rispondere a ogni nostra esigenza.</p> <p><strong>4. Approfittiamo del calore del sole</strong></p> <p>Se le giornate sono luminose, apriamo le finestre e le porte rivolte verso sud, in modo da far penetrare quanto più possibile la luce naturale del sole, per riscaldare gli ambienti di casa senza dover alzare eccessivamente il termostato. Se sono presenti tendone pesanti, utilizziamoli solo alla sera, come isolanti, quando le temperatura esterna incomincerà a scendere.</p> <p><strong>5. Utilizziamo l’energia rinnovabile</strong></p> <p>Infine, ricordiamo che anche i pannelli solari rappresentano un modo efficace per risparmiare: possono infatti assorbire l’energia prodotta dal sole e trasformarla in risorsa termica, per riscaldare e produrre acqua calda. I<a href="/ita/it/prodotti/solare-termico"> sistemi solari termici di Ariston</a>, per esempio, rappresentano la miglior soluzione per promuovere la sostenibilità ambientale, fornendo acqua calda sanitaria senza generare emissioni di CO2: ogni impianto è infatti progettato non solo per aiutarci a vivere all’insegna del benessere e dell'eco-sostenibilità, ma anche per una facile applicazione in qualsiasi contesto. Sfruttando l’energia del sole e della natura, potremo riscaldare la nostra casa e produrre tutta l’acqua calda sanitaria necessaria, in bagno come in cucina.</p> </div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>sara.fiume</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Mar, 11/06/2018 - 19:00</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Tue, 06 Nov 2018 18:00:14 +0000 sara.fiume 5278 at http://www.ariston.com 3 consigli per educare i bambini al risparmio energetico https://www.ariston.com/ita/it/the-comfort-way/ambiente/3-consigli-educare-i-bambini-al-risparmio-energetico <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--title--blog.html.twig x field--node--title.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--title.html.twig * field--string.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <span>3 consigli per educare i bambini al risparmio energetico</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--title.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--body--blog.html.twig * field--node--body.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--body.html.twig * field--text-with-summary.html.twig x field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <div class="text_with_summary body"><p>La maggior parte dei bambini ama imparare cose nuove e ben accetta l'opportunità di essere utile in casa. Inoltre, se si spiega loro l’importanza del risparmio energetico, saranno ancora più contenti di fare la propria parte. Ecco allora 3 consigli pratici per educare i bambini al risparmio energetico e alla consapevolezza fin da piccoli.</p> <p><strong>1. Spieghiamo il concetto di energia</strong></p> <p>Frasi come “spegni la luce per non consumare troppa energia” oppure “non sprecare l’acqua calda” per i bambini hanno ben poco significato, perché sono così abituati agli elettrodomestici in casa, da non aver mai avuto il bisogno di interrogarsi sul relativo funzionamento e sull’energia necessaria. Proviamo allora a porre semplici domande come per esempio “Perché i termosifoni sono caldi? Da dove arriva l’acqua calda?”, in questo modo potremo incominciare a far capire il concetto di risorsa energetica e dell’importanza di non sprecarla. Inoltre, se possediamo un impianto di riscaldamento Ariston, potremmo connetterlo all’App <a href="http://old.ariston.com/it/ariston-net">Ariston Net</a> e coinvolgere i nostri figli nel monitoraggio dei consumi in tempo reale, per scoprire insieme i consigli per il miglioramento dell’efficienza energetica.</p> <p><strong>2. Puntiamo sul gioco</strong></p> <p>La moderna pedagogia ci ha insegnato che i bambini attraverso il gioco imparano: trasformiamo allora l’educazione al risparmio energetico in un gioco divertente. Potremmo realizzare un gioco che preveda domande sulle diverse tematiche relative al consumo energetico o situazioni in cui cercare la soluzione di riscaldamento più efficiente e sostenibile a seconda delle diverse esigenze, magari anche aiutandoci con il<a href="/ita/it/trova-il-tuo-prodotto"> tool di scelta del prodotto che Ariston mette a disposizione sul proprio sito</a>.</p> <p><strong>3. Incoraggiamo i bambini a scoprire fonti di energia alternative e dispositivi più efficienti</strong></p> <p>Se i nostri figli sono già grandicelli (dagli 8 anni in su) potremmo coinvolgerli nella ricerca di fonti di energia alternative e di dispositivi in grado di aiutarci a non sprecarne. Potrebbero per esempio realizzare una piccola ricerca, ritagliando articoli dai giornali o selezionando notizie da internet (i ragazzi amano questo genere di indagini, sotto la nostra supervisione, ovviamente). In questo modo potremmo far scoprire loro che l’energia del sole può essere raccolta e riutilizzata e che esistono sistemi di riscaldamento innovativi come le caldaie a condensazione, in grado di recuperare calore dai fumi di scarico, risparmiando così energia, oltre che riducendo le emissioni di gas nocivi:<a href="/ita/it/prodotti/caldaie/caldaie-condensazione#taxonomy-product-menu"> sul sito di Ariston potremo trovare tutte le informazioni necessarie</a> per spiegare il concetto nel modo più chiaro e completo.</p> </div> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/fields/field.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--uid--blog.html.twig x field--node--uid.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--uid.html.twig * field--entity-reference.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <span> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'username' --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> <span>sara.fiume</span> <!-- END OUTPUT from 'themes/custom/progressive/templates/user/username.html.twig' --> </span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--uid.html.twig' --> <!-- THEME DEBUG --> <!-- THEME HOOK: 'field' --> <!-- FILE NAME SUGGESTIONS: * field--node--created--blog.html.twig x field--node--created.html.twig * field--node--blog.html.twig * field--created.html.twig * field--created.html.twig * field.html.twig --> <!-- BEGIN OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> <span>Mar, 11/06/2018 - 18:52</span> <!-- END OUTPUT from 'core/themes/stable/templates/field/field--node--created.html.twig' --> Tue, 06 Nov 2018 17:52:01 +0000 sara.fiume 5277 at http://www.ariston.com