Temperatura di mandata, termostato e radiatori
06/10/2014
Temperatura di mandata, termostato e radiatori_1

Quando si parla di temperatura di mandata ci si riferisce alla temperatura dell’acqua che circola nelle tubazioni di alimentazione (in mandata) di un impianto di riscaldamento o parte di esso. In un edificio il riscaldamento può essere:

·       centralizzato: l’impianto è unico, direttamente collegato al teleriscaldamento, con una temperatura di mandata impostata dalla società fornitrice. Quindi la temperatura sarà la stessa in tutti gli appartamenti dell’edificio.

·       autonomo: ogni appartamento ha il suo impianto e la sua caldaia. In questo caso la temperatura di mandata varia a seconda di quella impostata sul termostato, che può essere fissa o variare a seconda della temperatura esterna.

Per ottenere un buon comfort termico e risparmiare oltre il 5% all’anno sui consumi del gas, se si è in possesso di un impianto con riscaldamento autonomo si consiglia di impostare la temperatura del termostato sui 20°C e la temperatura di mandata della caldaia attorno ai 60°C.

Anche l’installazione di valvole termostatiche consente di regolare efficacemente la temperatura, in base alle proprie esigenze e al tipo di ambiente che si vuole riscaldare, ottimizzando i consumi.

Scopri altri vantaggi, curiosità e “cose da sapere” negli altri articoli dedicati alla condensazione. Oppure visita la sezione dedicata al mondo della condensazione.

In Evidenza
fancy-net