Normative_1
Normative

Essere informati sulle normative vigenti legate al settore del comfort termico ti permette di cogliere opportunità importanti.
In questa sezione troverai le ultime normative legate al settore del comfort termico, costantemente aggiornate e di facile comprensione.

Nuovi libretti di impianto per la climatizzazione, manutenzione ai fini della sicurezza e controlli di efficienza energetica per gli impianti termici

A partire dal 15 ottobre 2014, tutti gli impianti termici destinati alla climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, sia esistenti che di nuova installazione, devono essere muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione conforme al nuovo modello, come previsto dal Decreto Ministeriale 10 febbraio 2014.

Ti ricordiamo che Il libretto di impianto per la climatizzazione è una sorta di “carta d’identità” dell’impianto termico, sul quale devono essere indicate tutte le informazioni che lo riguardano, come ad esempio le sue caratteristiche, i componenti installati, gli interventi effettuati su di esso.

ll nuovo libretto di impianto per la climatizzazione sostituisce quindi gli esistenti “libretto di impianto” e “libretto di centrale”, di cui all’art. 11 comma 9 del D.P.R. n. 412/1993 e s.m.i., dei quali è necessaria la conservazione.

Il nuovo modello nazionale del Libretto di impianto è contenuto nel Decreto 10 febbraio 2014 ed è possibile scaricarlo cliccando qui; per eventuali modifiche ed integrazioni richieste in ambito locale, fare riferimento ai regolamenti specifici predisposti dagli Enti Locali competenti.

 

Cliccando qui potrai accedere alle risposte alle domande più frequenti sui nuovi libretti di impianto per la climatizzazione, sulla manutenzione ai fini della sicurezza e sui controlli di efficienza energetica degli impianti termici. Anche in questo caso, le info contenute nel documento sono valide a livello nazionale e devono essere integrate con ulteriori disposizioni previste dagli Enti Locali competenti (Regioni e Province Autonome)

Regolamento ErP (Energy related Products): da gennaio 2013 i sistemi di aria condizionata fino a 12 kW devono attenersi a nuovi standard di rendimento energetico.

Per soddisfare quanto richiesto dall’Unione Europea con i nuovi “obiettivi 20-20-20”, ossia di raggiungere entro il 2020 una riduzione del 20% delle emissioni dei gas serra, una crescita del 20% nell’utilizzo di risorse rinnovabili e la diminuzione del 20% del consumo di energia globale attraverso un miglioramento dell’efficienza dei prodotti, è entrato in vigore il 1° gennaio 2013 il Regolamento Europeo 206/2012 (attuazione della Direttiva ErP 2009/125/EC) relativo ai climatizzatori d’aria con capacità di raffreddamento fino a 12 kW. Il Regolamento vieta l’immissione sul mercato dell’Unione Europea di tutti quei prodotti che non rispettano i requisiti minimi di performance stabiliti.

 

Sempre a partire dal 1° gennaio 2013, a tutti i sistemi di condizionamento (fino a 12 kW) è applicata una nuova “Energy Label” (Regolamento 626/2011) basata sullo stesso criterio di valutazione delle performance previste dal Regolamento ErP 206/2012. Lo scopo della nuova etichetta è quello di promuovere i  “prodotti amici dell’ambiente”, attribuendo le classi energetiche più elevate (scala di efficienza da A a G nel 2013 per poi essere aggiornata ogni 2 anni; dal 2017 passerà ad A++ - E) ai prodotti in grado di garantire un consumo minimo di energia ed una riduzione delle emissioni di CO2 nell’aria.

Scopri tutti i dettagli sulla normativa ErP nella sezione dedicata del sito.

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE): che cosa sono?

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE), o come comunemente definiti “certificati bianchi”, sono una forma di incentivazione connessa alla vendita e/o installazione di prodotti e apparecchiature ad alta efficienza energetica, introdotta in Italia dai Decreti Ministeriali del 20 luglio 2004 (D.M. 20/07/04), come modificati dal Decreto Ministeriale del 21 dicembre 2007 (D.M. 21/12/07). Tali Decreti individuano gli obiettivi nazionali – calcolati su base annuale – di risparmio di energia primaria a carico dei distributori di energia elettrica e di gas con bacini di utenza superiori ai 100.000 clienti finali (50.000 con D.M. 21/12/2007), definendo anche le modalità operative atte al relativo conseguimento. Al distributore che non rispetta la propria quota-parte di obiettivo vengono comminate sanzioni. 

 

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) rappresentano, quindi, una forma di certificazione dei risparmi energetici ottenuti in seguito ad un intervento che ha prodotto un risparmio energetico applicando un meccanismo virtuoso che consente di ridurre il prezzo di vendita dei prodotti ad alta efficienza grazie al valore aggiunto ottenuto in seguito alla cessione dei TEE.

fancy-net